“ERANO CONCORDI CON MARIA, LA MADRE DEL SIGNORE (At 1,12-14)
Speranza e carità nel tempo della fragilità.

L’esperienza della fragilità,della paura, della malattia ha condizionato i nostri percorsi e le nostre scelte in questi ultimi mesi.[…] Quest’esperienza dolorosa si è presentata senza preavviso, del tutto inedita fino alla chiusura di tutte le attività.[…] Guidati dallo Spirito abbiamo affrontato questa situazione con quella “creatività” , anche definita fantasia pastorale, e solidarietà alle quali ci ha invitato Papa Francesco fin dall’inizio della pandemia.[…]

“Le righe che seguono sono il frutto della riflessione che ho avuto modo di fare negli ultimi mesi con voi cari diocesani, presbiteri, religiosi e laici, dell’amata Chiesa che è in Biella.[…]. Ho avuto modo in questi mesi di accogliere tanti spunti e suggestioni che mi sono stati forniti nelle varie occasioni di incontro e di confronto con il popolo di Dio che è in Biella e che custodisce da secoli la tradizione e la devozione mariana nel Santuario di Oropa e nei tanti altri santuari della Diocesi.[…]Dedico questa lettera pastorale a tutti gli uomini e le donne di buona volontà della nostra terra o quanti, giunti tra noi, sono alla ricerca sincera del senso della vita e del volto del Padre Misericordioso.(dalla Premessa).

La Lettera Pastorale  è disponibile presso il Seminario diocesano.

Un contributo del Consiglio Pastorale alla Lettera Pastorale.